FOLLOW ME:

  • Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grigio Circle
  • Pinterest - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle

RECENT POSTS: 

May 15, 2019

October 30, 2018

Please reload

DENTRO L’ARTE | INSIDE ART

May 6, 2016

 

Dentro l'arte... si è stato proprio cosi!!!

 

Un sabato pomeriggio diverso dal solito, animato da un "viaggio" all'interno delle opere d'arte!

Ecco quello che si trova all'Hangar Bicocca, stabilimento industriale trasformato in incubatore dell’arte contemporanea e della cultura.

 

E' uno tra gli spazi espositivi più grandi di europa, conosciuto come ambiente giovane e all'avanguardia, nonché luogo dinamico di sperimentazione e ricerca.

L’architettura stessa dell’edificio, entra in stretta relazione con ogni progetto espositivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre alla presentazione di mostre ed eventi, Pirelli Hangar Bicocca ospita l’installazione permanente e site-specific di Anselm Kiefer I Sette Palazzi Celesti 2004-2015, realizzata in occasione dell’apertura dello spazio espositivo.

Nel giardino esterno antistante l’ingresso è collocata La Sequenza, scultura del 1981 di Fausto Melotti.

 

CARSTEN HÖLLER | DOUBT

Le sue non sono semplici opere d’arte, sono veri e propri mezzi che indagano la natura umana. Noi non siamo semplici visitatori, ma veniamo posti in una condizione di spaesamento e di incertezza, che si rivela essere uno stato della mente particolarmente produttivo ed è la condizione che ispira il titolo stesso di questa mostra: Doubt_dubbio.

Siamo entrate in relazione con le opere d’arte, apparentemente statiche collocate in un luogo straniante, dove la nostra partecipazione era determinante per il completamento dell’opera stessa. 

Sono presenti oltre venti opere che invitano alla partecipazione attiva del visitatore.

Ci siamo sentite parte integrante dell’esposizione, grazie ad un coinvolgimento diretto nell'attivazione delle opere, sia nel ruolo di osservatori e osservati da parte del restante pubblico. Höller ha concepito la mostra come un’installazione che si sviluppa attraverso diversi momenti – divisione, duplicazione, unione, ribaltamento – in un percorso in cui i confini tra inizio e fine diventano sempre più labili.

 

 

Y

 

Il nostro viaggio ha avuto inizio dall'installazione Y. 

 

Eccoci all'interno di un parco di divertimento!

 

Tutte queste luci ad intermittenza ci attiravano verso un corridoio biforcato...

e ci siamo chieste DOVE ANDIAMO??!?

 

Nel dubbio, dovevamo prendere una decisione! 

 

 

DIVISION WALLS 

 

Y ci ha condotte verso Division Walls, un’enorme parete illuminata di colore verde e giallo!!! 

 

Non avevamo una visione completa della mostra.

Solo due aperture ci hanno creato una visuale e ci hanno permesso di entrare...

 

Si, ma dove ancora non lo sapevamo!

 

 

DECISION CORRIDORS 

 

 

Ora non avevamo più dubbi!!

 

Abbiamo dovuto prendere una decisione!!!

 

Una volta scelta la direzione, siamo entrate in un corridoio buio, dove le coordinate spazio-temporali sono state perse.

 

L'oscurità ci ha portate a cercare nuovi riferimenti... a sentire parti del nostro corpo attraverso nuove percezioni, sensoriali e uditive!

 

Non c'è nulla da vedere, se non qualcosa che ci ha condotto altrove!!!

 

 

 

 

ZOLLNER STRIPES 

Qua le certezze e le sicurezze sono state messe in dubbio!

Linee parallele che sembrano convergere o divergere, che dalla parete divisionaria proseguono anche sul pavimento.

 

 

MEMORY MACHINE

Due immagini, che ruotando su sè stesse, sembrano unirsi e combaciare.

 

 

AQUARIUM

 

 

E secondo voi... in un'installazione cosi... non poteva che esserci anche un acquario?!? 

 

Un'opera dove siamo entrate in contatto con il mondo animale, dove i movimenti continui dei pesci creano un effetto psichedelico. 

 

Da sdraiate abbiamo potuto ammirare i movimenti sinuosi ... "immergendoci"

sott'acqua per poter osservare il tutto da vicino.

 

 

 

YELLOW/ORANGE DOUBLE SPHERE

Dispositivo luminoso sospeso composto da due sfere colorate concentriche lampeggianti.

 

 

FLYING MUSHROOMS

Una grande installazione mobile, composta da sette giganti funghi Amanita Muscaria, tagliati a metà longitudinalmente e riassemblati dall'artista in modo che una delle due parti risulti capovolta.

Qua ci siamo divertite a muove l'opera d'arte... e tutto ha iniziato a volare!!! 

 

DOUBLE NEON ELEVATOR 

 

 

Siamo entrate in una stanza composta da tubi al neon di colore verde che rendevano tutte le pareti luminose. 

 

 

Attraverso un gioco di intermittenza, ci sembrava di essere all'interno di un ascensore che salisse e poi scendesse.

 

 

La musica di sottofondo e l'insolito ambiente circostante non poteva che farci ballare all'interno dell'opera.

 

 

 

MAUSEPLATZ BLACK AND WHITE

Sono delle repliche in miniatura di un utopico parco giochi per bambini.

L'opera funziona come ambientazione sperimentale per l'osservazione del comportamento riproduttivo di una coppia di topi che vivono in un modello di architettura utopica.

 

 

REVOLVING DOORS 

Siamo entrate in un "gioco" composto da cinque porte girevoli specchianti, poste a distanza pari l'una dall'altra, che formavano un pentagono. 

Avvolte da una grande varietà di riflessi ci siamo sentite smarrite nel pubblico, quasi come se fossimo dentro un ambiente labirintico. 

 

 

TWO FLYING MACHINES

Qua si prova l'esperienza del volo sopra un parapendio e una giostra.

Siamo state attirate da chi stava usando la struttura, li sospesi quasi in una situazione "imbarazzante". 

 

 

DOUBLE CAROUSEL

 

Questa è stata la parte più "diverte".

Un vero e proprio ready-made!!!

 

Decontestualizzate e inserite in una dimensione architettonica a loro estranea come quella di uno spazio espositivo. 

 

Qua il concetto di divertimento è stato portato all'esasperazione e alla noia.  

 

Pur muovendosi lentamente è stato emozionante entrare dentro un'opera d'arte!! 

 

 

UPSIDE - DOWN GOGGLES

Qua, indossando degli occhiali, siamo state sopraffatte da un'immagine capovolta dell'ambiente circostante.

 

 

PHI WALL II

Una struttura composta da punti luce multipli di quattro diversi colori che si accendono e spengono in successione a distanza regolare l'uno dall'altro.

 

 

LIGHT CORRIDOR

 

Opera composta da due pareti luminose che lampeggiano, alternandosi a ombre che fluttuano incessantemente nello spazio.

 

Un fenomeno allucinatorio ci ha sopraffatte.

 

Ci siamo divertite a giocare con quest'installazione!

 

Sempre più dentro l'arte!!! 

 

Interagendo con essa, prende forme sempre più nuove e sempre più diverse... cambiando ogni volta... offrendo sempre qualcosa di speciale e unico!

 

 

 

TWO ROAMING BEDS 

Qua i visitatori vengono invitati a dormire nello spazio espositivo durante la notte.

Due letti singoli, radiocomandati, si spostano sul pavimento lentamente e senza sosta con un movimento circolare. 

 

 

 

ANDATE E SCOPRITE QUESTO FANTASTICO MONDO!!!! SARA' SENSAZIONALE!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload